Cerca
  • Castaldi Carlo

Il visto L-1 Manager

Aggiornato il: 4 giu 2018

Contatta lo studio legale Carlo Castaldi Consulenza Gratuita

A doversi trasferire e lavorare negli Stati Uniti possono essere diverse tipologie di cittadini o professionisti, dai più giovani a quelli più adulti, nelle più varie discipline o settori. Tuttavia, capita alcune volte che delle aziende italiane od europee, aventi filiali proprio nel Paese nordamericano, abbiano necessità di trasferirvi propri dipendenti specializzati, per delle missioni o impegni particolari.

Tali soggetti, per poter entrare, soggiornare e lavorare in territorio statunitense devono essere in possesso del particolare visto L-1 Intra-Company transferee e che può essere destinato a manager o altri tipi di dipendenti. Cerchiamo di conoscere in cosa consista questo permesso, in particolare quello per le figure manageriali o dirigenziali, e quali siano i requisiti necessari per ottenerlo.

Scopriamo il visto L-1

Come detto, varie società, dalle multinazionali a quelle piccole o alle semplici start-up, possono aver bisogno di trasferire personale qualificato dalla casa madre a qualche singola filiale statunitense per ragioni di lavoro o, addirittura, per costituirne una nel Paese. E tale genere di permesso consente proprio tale trasferimento.

Nello specifico, comunque, questo visto si suddivide a sua volta in due tipologie: quello L-1A, richiesto per dirigenti, manager aziendali o per professionisti di alto livello di un'impresa, e quello L-1B, destinato invece a dipendenti o impiegati della società, che abbiano tuttavia particolari competenze o specializzazioni.

Il permesso L-1 per i manager aziendali ed i requisiti richiesti

Tali professionisti, per ottenere il visto, devono lavorare per l'azienda che rappresentano da almeno tre anni, di cui un anno ricoprendo appunto tale ruolo, e devono dimostrare che la loro presenza e competenza siano ritenute indispensabili per la filiale o società e la sua operatività in territorio americano. Essi, inoltre, devono possedere una "Executive e Managerial Capacity", cioè capacità decisionale, di supervisione e controllo di ampio livello.

Soddisfatti tali requisiti, il visto è concesso per tre anni, prorogabili fino ad un massimo di sette. Durante tale periodo è possibile fare richiesta della Green Card permanente. Tuttavia, terminati i sette anni, il manager dovrà trascorrere almeno un anno fuori dagli Stati Uniti, prima di poter fare nuovamente richiesta di visto L-1. Naturalmente, oltre al dirigente, potrà effettuare tale domanda anche il suo coniuge ed eventuali figli minori.


Per maggiori informazioni vi invitiamo ad esporci le vostre esigenze o la vostra problematica, relativa all’accesso negli Stati Uniti, via e-mail all’indirizzo castaldicarlo@libero.it

Contatta lo studio legale Carlo Castaldi per una prima consulenza gratuita in materia di visti americani, visto E1, visto investitore E2, green card, visto USA negato, green card, visto K1, visto O1, visto L1, apertura società LLC e corporation.


Le informazioni contenute in questo articolo sono a scopo informativo e non fanno riferimento alla particolare situazione di un individuo o di una persona giuridica. Non costituiscono oggetto di consulenza legale o fiscale. Questi contenuti non possono sostituire la consulenza individuale da esperti in singoli casi concreti. Nessuno dovrebbe agire sulla base di queste informazioni senza un’adeguata consulenza professionale e senza un esame approfondito della situazione

0 visualizzazioni